Pagine

12 aprile 2022

PRESENTAZIONE DOCUMENTARIO “STRETTO DI MESSINA: SEA OF LEGEND

 

Si svolgerà venerdì 22 aprile, alle ore 12,00, nell’Aula Magna “Vittorio Ricevuto” del Polo Universitario di Papardo la presentazione del documentario sullo Stretto di Messina dal titolo “Stretto di Messina: Sea of legend”. Saranno presenti il Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, l'On. Francesco D'Uva e la prof.ssa Nancy Spanò, Delegato alle iniziative scientifiche a tutela dell'ambiente e del patrimonio marino.

Realizzato in collaborazione con Pomona Picture e con il patrocinio della Camera dei deputati,  il documentario sullo Stretto di Messina ha il fine di mostrare le bellezze naturistiche della nostra area maggiori informazioni clicca qui: https://www.unime.it/it/informa/notizie/%E2%80%8Bpresentazione-documentario-%E2%80%9Cstretto-di-messina-sea-legend%E2%80%9D


07 marzo 2022

Arriva sullo Stretto di Messina la nave traghetto IGINIA di RFI

Da giorno 8 marzo per i servizi di traghettamento dei treni passeggeri e merci sullo Stretto, la nuova nave Iginia di RFI è stata inaugurata oggi, lunedì 7 marzo, nel corso di una cerimonia di presentazione della nuova imbarcazione che fa del rispetto dell'ambiente la sua caratteristica principale, innanzitutto perché a zero emissioni di CO2 e gas serra. Al taglio del nastro, presso il porto di Messina, erano presenti il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini, l’Amministratrice delegata di Rete Ferroviaria Italiana Vera Fiorani e il Direttore Navigazione RFI Giuseppe Marta, insieme al Vice presidente Regione Siciliana, Gaetano Armao, e al Commissario Straordinario di Messina Leonardo Santoro.
Il varo della nuova nave è solo il primo passo dell'ampio piano degli interventi programmati dal governo con i fondi del Pnrr e i fondi statali per agevolare il collegamento tra Calabria e Sicilia nel segno della sostenibilità ambientale. Dall'estate il tempo di attraversamento ferroviario verrà dimezzato”, ha commentato il Ministro Giovannini. “Il piano per migliorare i servizi, favorendo la transizione ecologica della mobilità marittima, è articolato in numerosi interventi che vanno dalla riqualificazione delle stazioni ferroviarie, degli approdi e delle stazioni marittime al miglioramento dell’accessibilità stradale ai porti”.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Lunga 147 metri e larga 19, Iginia ha una capacità massima pari a 27 carri ferroviari su 4 binari. Può ospitare 700 persone, compreso l’equipaggio. Massimo confort anche per gli spazi interni, con un salone principale con sala bar da 339 posti a sedere, di cui 29 postazioni dedicate alle persone a mobilità ridotta, 7 postazioni per carrozzelle, 101 i posti a sedere nel salone di poppa e 198 nel salone aperto all’esterno. Il sistema di governo è garantito da tre motori principali e tre propulsori azimutali a passo variabile, mentre due eliche trasversali ne consentono la massima manovrabilità. Dalla celata di prora, attraverso il ponte mobile, sono effettuate le operazioni di carico/scarico di carrozze e carri ferroviari. Gli eventuali mezzi gommati, invece, accedono al ponte di carico dal portellone di poppa e da quello laterale, oltre che dalla celata di prora.

TECNOLOGIA GREEN
Iginia è Green non solo per il sistema di propulsione, garantito anche da due pacchi di batterie ricaricate dai pannelli solari già installati sulla nave o dalle prese di terra presenti nelle invasature; a bordo sono presenti anche innovativi impianti di trattamento delle acque di sentina e delle acque nere, per garantire una più efficace riduzione delle emissioni inquinanti. Tecnologie che permettono zero emissioni di CO2 e gas serra, sia in porto che nelle manovre di entrata e di uscita. Iginia ha ottenuto la certificazione “Green Plus” – il massimo attestato nel campo della sostenibilità – dal Registro Italiano Navale, a conferma dell’impegno del Gruppo FS per l’ambiente.



 

02 febbraio 2022

COLLABORA ANCHE TU PER UN SERVIZIO MIGLIORE.UNISCITI A NOI!


Il Nostro Blog,consente di far sentire la voce di tutti i pendolari di Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni che, per lavoro-studio utilizzano, aliscafi, navi traghetto, per attraversare lo Stretto di Messina. Tutti i pendolari possono segnalare disservizi, disagi, e/o suggerimenti sul nostro Blog pendolaristrettodimessina.blogspot.com, per migliorare le condizioni di trasporto. COLLABORA ANCHE TU PER UN SERVIZIO MIGLIORE.UNISCITI A NOI!

27 dicembre 2021

Mascherina FFP2 obbligatoria per ACCEDERE ALLE UNITÀ NAVALI , e per tutti i mezzi di trasporto pubblici.


A partire da sabato 25 dicembre 2021 e fino al 31 marzo 2022, è obbligatorio indossare la mascherina anche all’aperto e anche in zona bianca e la mascherina Ffp2 su tutti i mezzi di trasporto, aerei, navi, aliscafi, treni, bus, tram, metropolitane – sia locali che a media e lunga percorrenza – come da decreto-legge n°221 del 24 dicembre 2021. La Ffp2 deve essere indossata pure nei luoghi di cultura che resteranno aperti, come i cinema, i teatri e i musei. E quando si assiste a un evento sportivo, negli impianti al chiuso (per esempio i palazzetti) e in quelli all’aperto, come gli stadi

In pratica fino al giorno della fine dello stato d’emergenza, per entrare sui mezzi pubblici i passeggeri dovranno indossare una mascherina di tipo Ffp2. E non è più sufficiente coprire naso e bocca con le mascherine chirurgiche

Resta confermato l’obbligo di green pass per entrare su tutti i treni che viaggiano sul territorio nazionale..

E' OBBLIGATORIO indossare la mascherina FFP2 per ACCEDERE ALLE UNITÀ NAVALI  

30 agosto 2021

Greenpass NON valido nello stretto di Messina

 

"Dal 1 settembre 2021 sarà consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Green Pass l’accesso e l’utilizzo dei seguenti mezzi di trasporto:  aeromobili adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone; - navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale, ad esclusione di quelli impiegati per i collegamenti marittimi nello Stretto di Messina;

- treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo Inter City, Inter City Notte e Alta Velocità;

- autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti; autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, ad esclusione di quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale.

- L’utilizzo degli altri mezzi di trasporto può avvenire anche senza green pass, fatta salva l’osservanza delle misure anti contagio".

La Certificazione verde Covid-19, si legge ancora "è richiesta in 'zona bianca' ma anche nelle zone 'gialla', 'arancione' e 'rossa', dove i servizi e le attività siano consentiti".